Le onde gravitazionali di Einstein dall’intuizione alle prove scientifiche - Intervista al prof. Simoncelli, autore del saggio “L’era delle onde gravitazionali"
 
Stai leggendo il giornale digitale di Mattioli San Salvo su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Le onde gravitazionali di Einstein dall’intuizione alle prove scientifiche

Intervista al prof. Simoncelli, autore del saggio “L’era delle onde gravitazionali"

l'intervista in diretta al prof. SimoncelliL’incontro con il prof. Andrea Simoncelli, insegnante di matematica e scienze presso l’Istituto Comprensivo “G. Rossetti” di Vasto, autore del saggio “L’era delle onde gravitazionali”, con all’attivo oltre 200 articoli per rivista scientifiche come “Nuovo Orione” e “Le stelle” si è tenuto presso l’aula magna dell’IPSIA ed hai coinvolto le classi del Liceo Scientifico. Il Professore, nonostante la complessità dell’argomento, con grande passione ha catturato la nostra attenzione ed è riuscito a spiegarci come le idee visionarie di Albert Einstein riguardo le onde gravitazionali diventino sempre realtà. Inoltre, ci ha illustrato l’importanza degli interferometri, lo strumento permette di studiare gli effetti di composizione delle onde, di cui uno -l’Interferometro VIRGO- si trova in Italia nel comune di Cascina (PI).

Al termine dell’incontro abbiamo avuto il piacere di intervistarlo.

Professore, cosa lo ha appassionato alle onde gravitazionali ed all’astrofisica in generale? In generale, ho sempre avuto una passione nei confronti della scienza, però poi ci sono stati due episodi che hanno indirizzato il mio studio verso questa materia: il primo, il passaggio di due comete visibili ad occhio nudo alla fine degli anni Novanta; il secondo, un telescopio regalatomi dai miei genitori. Da qui è nata la passione che si è poi concretizzata nella lettura di tanti libri di scienza e con la scelta degli studi universitari di astrofisica”.

Quali vantaggi forniscono le onde gravitazionali nello studio e nell’osservazione dell’universo? “Innanzitutto ci forniscono informazioni genuine proprio perché viaggiano indisturbate nello spazio-tempo e quindi ci descrivono in modo preciso i fenomeni che avvengono; in secondo luogo, negli eventi che accadono nello spazio, soprattutto nella coalescenza di due buchi neri, ci hanno permesso per la prima volta di avere l’evidenza diretta dell’esistenza stessa dei buchi neri, perché fino ad ora avevamo solo evidenze indirette. Poi la speranza è che in futuro si riesca studiare le onde gravitazionali che i teorici ritengono siano state emesse nel Big Bang”.

Ora una domanda un po’ più “personale”: lei ha uno studio in cui si dedica a questa sua passione e se per lei questo è un lavoro? “Sì ho uno studio in casa - anche se invaso dai giochi dei miei figli – dove scrivo i miei articoli ed è una mia attività parallela all’insegnamento: da oramai 14 anni sono entrato sia nel mondo della scuola sia in quello del giornalismo scientifico, collaborando in particolare con ‘Le stelle’ e ‘Nuovo Orione’. Quindi sì è un’attività lavorativa nel senso che comunque prevede dei piccoli compensi, ma soprattutto è una passione, cioè quella di voler divulgare le mie conoscenze astrofisiche”.

Oltre all’attività di insegnante e giornalista scientifico, in questo momento è coinvolto in qualche progetto di ricerca? “No, ora purtroppo non più. In passato sì, quando dopo la laurea ho svolto attività di ricerca. Però ho la fortuna di essere ancora in contatto con tanti ricercatori coinvolti, i quali mi danno indicazioni e mi danno informazioni che mi aiutano tantissimo nelle mie attività”.

Visto che noi studenti ci stiamo approcciando all’orientamento universitario, perché lei consiglierebbe ad uno di noi di studiare astrofisica o astronomia? “Una domanda che mi carica di responsabilità. Intanto uno deve seguire la propria passione: io all’epoca feci questa scelta pur sapendo che avrei dovuto affrontare un corso di laurea molto impegnativo. Perché lo consiglio? Perché secondo me, essendo questa una scienza pura, non c’è nulla di più bello di rispondere al desiderio dell’uomo di conoscere come funziona la natura, di sapere da cosa è composto l’universo e quali sono gli eventi che vi accadono: il piacere della pura conoscenza”.

Loris Del Borrello

 


Condividi questo articolo




 

edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi