Ingegnere o ingegnera? Il rispetto prima di tutto - Milena Stanisci racconta la “sua” Pilkington
 
Stai leggendo il giornale digitale di Palizzi su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Palizzi Interviste 24/11 24/11

Ingegnere o ingegnera? Il rispetto prima di tutto

Milena Stanisci racconta la “sua” Pilkington

Ospiti della giornata assieme a Milena StanisciIngegnera o ingegnere? Il femminile o il maschile non fa di certo la differenza quando in un ambiente di lavoro la professionalità e la competenza vengono messi al di sopra di tutto, anche della differenza di genere. In occasione dei 100 anni del gruppo Pilkington, attraverso l'intervista all'ingegnere Milena Stanisci, si delinea il ritratto di una multinazionale che ha fatto dell'integrazione, del rispetto della diversità e dello spirito di gruppo i suoi punti di forza, anche quando di differenze di genere e di quote rosa, nessuno ancora parlava. È così che nello stabilimento di Piana Sant'Angelo, come negli altri siti produttivi sparsi in tutto il mondo, il fattore umano conta. E conta non meno di fatturati e commesse.

D- Ingegnera o ingegnere Stanisci, ci vuole raccontare come è iniziata la sua avventura nel gruppo?

R-Ho iniziato la mia avventura in questo gruppo che inizialmente si chiamava SIV, trent’anni fa. Mi presentai come una giovane ingegnera meccanica ed iniziai svolgendo un lavoro tecnico che portai avanti fino al ’94. Mi è cara questa data perché la società decise di rimpiazzare le risorse umane di allora promuovendo un test attitudinale per tutti, indistintamente dal sesso.

Feci questo test e, dopo averlo superato, mi nominarono team leader in fabbrica. Inizialmente fui a capo di un gruppo ristretto di operai, ma dopo poco tempo divenni il punto di riferimento di circa di trecento lavoratori con ulteriori team leader subordinati a me.

D- Come reagirono gli operai, per la totalità uomini, nell'avere una donna come capo?

R- Apprezzo la domanda perché la loro accoglienza è stata quanto di più bello che mi sia mai capitato. Contrariamente a quanto ci si sarebbe aspettati, gli operai dello stabilimento mi hanno adottata. Mi hanno insegnato il mestiere, hanno avuto pazienza ed erano emozionati quando li salutavo con un semplice “buongiorno”. Io li rispettavo e loro rispettavano me. Abbiamo instaurato un rapporto straordinario, tant’è che quando si verificavano problemi in fabbrica mi chiamavano a casa ed anche alle 2 di notte mi recavo sul posto per prendere visione del problema. Io non ero in grado di riparare le linee produttive che si rompevano, ma il fatto di esserci invogliava gli operai ad esserci anche loro. E prima o poi giungeva qualcuno che sapeva aggiustare il macchinario.Davanti a tanta collaborazione e spirito di squadra, posso fieramente affermare che non c’è stata alcuna barriera nel mio ingresso in un ambiente prettamente maschile.

Poche domande ed altrettante incisive risposte che però hanno colto nel segno. A cento anni dalla sua nascita, uno dei messaggi più incisivi del gruppo NSG, al di là di ogni barriera fisica e mentale, è che la squadra è importante ma bisogna che venga guidata. Non importa se a farlo sia un uomo o una donna. Un vero capo sa ascoltare ma più di tutto deve saper delegare.

di Alessio Roselli

di Diletta Argirò


Parole chiave:

concorso pilkington

Condividi questo articolo




 
 

edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi