La neve del cambiamento - Le coincidenze di un incontro breve ma speciale
 
Stai leggendo il giornale digitale di Mattioli Vasto su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

La neve del cambiamento

Le coincidenze di un incontro breve ma speciale

La Non mi capita spesso di scrivere di cose riguardanti me in prima persona, a cuore aperto però questa volta è come se sentissi una sorta di esigenza. Non parlo di un avvenimento comune ma di qualcosa che lascia pensare e riflettere su quanto le coincidenze nella vita siano davvero ambigue. Da qualche tempo ho cominciato lezioni di teoria presso un'autoscuola. Proprio nel giorno in questione ho seguito una lezione sulla precedenza negli incroci che ho trovato alquanto complessa. Per questo motivo, alla fine della spiegazione, mi sono seduto al computer per esercitarmi con qualche quiz. Ci ho messo più tempo del previsto e mia madre, che stava aspettando fuori da oltre venti minuti, mi ha lasciato a piedi. Cosa fare? Mi sono recato alla fermata di fronte la Villa Comunale ricordandomi di un autobus che sarebbe passato a breve. Era una giornata particolare perché, dopo un po' di giorni di tregua da piogge incessanti alternate a sole, ecco tornato il maltempo. Il cielo plumbeo si stava preparando a scatenare un grosso temporale. Nel bel mezzo di questi pensieri, ecco fermarsi, per rivolgermi la parola, una dolce vecchietta che porta sempre a spasso i suoi due cani in centro. In città è conosciuta come "la nonnina dei cani" per le sue lunghe passeggiate assieme ai suoi due piccoli amici a quattro zampe. La tenerezza che suscita ti fa provare una voglia di vivere inesauribile. La sua energia, il suo senso del dovere, la sua forza d'animo sono ammirevoli. In una società in cui lavoro, ritmi veloci, stress e social network fanno da padrone, lei rimane una persona controcorrente che segue ciò che sente di fare veramente. "Sembra che mo nevica" - queste sono state le sue parole prima di dileguarsi un istante dopo. Lì per lì, non ho dato alcun peso a queste parole finché, il pomeriggio del giorno successivo, non leggo la notizia su un giornale locale: "Morta l'anziana donna investita questa mattina a San Salvo". Apro l'articolo. Era la nonnina dei cani. Non ci potevo credere. Come poteva essere capitato? Il mio incontro diretto con lei, primo e unico della mia vita, si era svolto appena il giorno precedente. Non riesco ancora a capacitarmi di come la vita sia strana. Quel viso tanto buono che avevo visto non si sa quante volte, quell'esempio di purezza d'animo e integrità che avevo percepito in lei non li avrei rivisti mai più. "Sembra che mo nevica". Quattro semplici parole. Dette così suonano banali. Invece vi ho attribuito un messaggio ben preciso. "Mo nevica": una breve locuzione che in genere utilizziamo nei confronti di chi assume un comportamento diverso dal solito. Per me sta ad indicare un cambiamento personale. La positività del cambiamento è sottolineata dalla purezza e dal candore insito nella parola "neve". Il "sembra" denota  probabilmente che il cambiamento dipende solo ed esclusivamente da me. Un messaggio che comunque può essere riferito ad ognuno di noi. Tutti possiamo cambiare, basta volerlo. Non possiamo abbatterci di fronte alle prime avversità, la vita è fatta di ostacoli e di imprevisti. Ognuno ha una grande forza dentro che porta a combattere, ad accettare sfide, a mettersi in gioco...semplicemente a vivere. Io non la conoscevo bene… so solo che la forza che mi ha donato è un fuoco che continuerà ad ardere in me per sempre. Riposa in pace Maria. Le tue lunghe passeggiate le continuerai a fare in cielo dove probabilmente veglierai su tutti noi.

di Lorenzo De Cinque


Parole chiave:

coincidenze , pensieri , riflessioni , vita

Condividi questo articolo




 

edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione a cui inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza in un progetto di alternanza Scuola-Lavoro.
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto e racconta la tua esperienza. La redazione e il capo-redattore riceveranno e pubblicheranno il contenuto su Scuolalocale, nell’area progetti Scuola-Lavoro.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare. Non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stata inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi