Sicuro di non essere un bullo? - Quando le parole feriscono più di una lama affilata
 
Stai leggendo il giornale digitale di Mattei su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Sicuro di non essere un bullo?

Quando le parole feriscono più di una lama affilata

Episodi di bullismo riempiono le cronache: ragazzi picchiati, umiliati che arrivano a tentare il suicidio per porre fine alle loro sofferenze. Eppure spesso si pensa che siano episodi isolati, che ciò che porta i ragazzi a compiere gesti estremi siano solo violenze fisiche come pestaggi o abusi sessuali, che i bulli siano quasi figure mitologiche, un numero limitato. Ma quanto siamo tutti noi bulli? Quanto siamo, in realtà, responsabili di un suicidio, dell'assenza di relazioni sociali di una persona, della mancata accettazione di se stessa? Quanto di tutto questo è anche colpa nostra?

Il bullismo non è solo violenza fisica, il bullismo è soprattutto violenza verbale, quella che tutti i giorni viene perpetrata nelle scuole, ma non solo.

Fare un commento denigratorio sull'aspetto fisico di una persona uccide. Dietro qualche chilo di troppo o di meno rispetto al peso forma si nasconde tanto. Si nascondono disturbi alimentari, problemi familiari, lotte per l’accettazione di se stessi, per raggiungere il peso forma, per affermare che c’è dell’altro oltre il proprio aspetto fisico. 

Utilizzare in maniera dispregiativa e al fine di offendere aggettivi riguardanti l’orientamento sessuale o il genere di una persona uccide. Perché le parole sono più affilate delle lame; perché dietro quella persona si possono nascondere fragilità, lotte per la scoperta di se stessi, il non riuscire ad accettarsi, il non essere accettati, la paura. E quelle parole non feriscono solo il diretto interessato, ma potenzialmente tutti. Magari proprio quel ragazzo lì accanto, che nasconde il suo segreto per paura dei giudizi, o l’altro, che finge sia tutto okay, ma che dietro la schiena stringe i pugni, cercando di nascondere il dolore per l’ennesima ferita ricevuta su cui la sera verserà lacrime, o ancora quella persona che è alla scoperta della propria identità e che quell'insulto contribuirà a far sentire sbagliata.

Trattare le donne come degli oggetti uccide. Un fischio per strada, un commento volgare, il continuo denigrarle, trattarle come esseri inferiori, considerarle solo come meri oggetti sessuali sono solo alcune delle violenze che quotidianamente le ragazze subiscono e che molti “uomini” si sentono autorizzati a compiere. Perché: “Cosa vuoi che sia un fischio per strada?”, “Se l'è cercata, non doveva mettersi i pantaloncini”, come se queste fossero giustificazioni, come se queste non fossero violenze.

La violenza verbale ferisce, ferisce più di quello che si crede. Le parole hanno un peso. E tu, sei sicuro di non essere un bullo?

Tamara Pezzotta


Condividi questo articolo




 

edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi