Can Dundar: il giornalista turco esule in Europa - Battersi per la libertà di stampa in Turchia e nel mondo
 
Stai leggendo il giornale digitale di I.I.S. Bafile-Muzi su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Can Dundar: il giornalista turco esule in Europa

Battersi per la libertà di stampa in Turchia e nel mondo

Nel maggio del 2015, il capo redattore Can Dundar del principale quotidiano turco di opposizione, il Cumhuriyet, e la sua redazione si sono visti al centro di uno scandalo politico che ha inizialmente coinvolto la Turchia, e successivamente si è propagato in tutta Europa con grande risonanza fino a raggiungere paesi oltreoceano come L'America. Esattamente in quel maggio il Cumhuriyet, grazie al lancio di un suo scoop esclusivo, smascherava il coinvolgimento della Turchia nella questione Siriana. Il 28 maggio 2015 alle ore 15, al quinto piano della sede del giornale, si teneva una riunione straordinaria. I sette membri più importanti della redazione dovevano decidere se pubblicare o no quell'articolo e in caso di pubblicazione valutarne le conseguenze. Era al centro della questione un video, girato un anno prima da una telecamera di sicurezza: mostrava un tir dei servizi segreti turchi che trasportava medicinali verso la Siria. In realtà nascondeva al suo interno un carico di armi pesanti, verosimilmente destinato alle forze del radicalismo islamico. La notizia crea scandalo. Il presidente Erdogan minaccia pubblicamente i responsabili della diffusione del video; tant'è che pochi mesi dopo Can Dundar e il suo collega Erdem Gul vengono arrestati, processati e reclusi a Silviri, una prigione voluta da Erdogan stesso in cui sono incarcerati oppositori politici. Sono accusati di spionaggio e divulgazione di segreti di Stato; in realtà svolgevano il loro mestiere di giornalisti, cioè informavano. Da qui in poi, Dundar trascorrerà tre mesi in una cella di venticinque metri quadrati divisa su due piani, in isolamento. Tre mesi che, nonostante tutto, egli definisce come i più produttivi della sua carriera, in cui la scrittura diventa il suo rifugio, la sua forza, ma anche la voce che riesce a superare il muro della sua prigione. Tre mesi di riflessioni, speranze e resistenza che hanno condotto Can Dundar a scrivere il libro-denuncia "Arrestati". La sua testimonianza di questa epoca dispotica, il suo Diario, una lettera scritta da un'isola deserta. Nel libro drammaticamente attuale, Can Dundar racconta in prima persona la sua esperienza e ci permette di avvicinarci e comprendere la difficile situazione politica Turca e di tutto il Medioriente. Ma questo libro è anche un atto d'accusa nei confronti di un regime che incarcera coloro che si battono per un'informazione libera. Dobbiamo renderci conto che oggi non solo in Turchia ma anche in tutto il mondo la libertà di stampa è a rischio. L'Italia per esempio è scesa nella classifica della libertà di stampa, ponendosi al 77° posto come paese con libertà di stampa parziale.

Attualmente l'ex-direttore del Cumhuriyet, è in attesa del processo d'appello e vive in esilio in Germania. La vicenda che lo ha visto protagonista gli ha permesso di muovere enti e associazioni di tutto il mondo a sostegno della sua causa e del tema della libertà di stampa, e ottenere numerosi riconoscimenti internazionali. E’ una testimonianza di consapevolezza della forza delle idee e del valore della Libertà.

-Dimitra Oikonomou-

di Redazione I.I.S. Bafile-Muzi


Condividi questo articolo





edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi