Liceo Artistico e Design IKEA. E’ morto il fondatore I. Kamprad - Perchè andare a Ikea con la scuola?
 
Stai leggendo il giornale digitale di I.I.S. Bafile-Muzi su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Liceo Artistico e Design IKEA. E’ morto il fondatore I. Kamprad

Perchè andare a Ikea con la scuola?

Era già pronto per la pubblicazione l’articolo che segue, quando, il 27 gennaio, è giunta la notizia della morte di Ingvar Kamprad, fondatore di Ikea, che realizzò nel 1956 il primo mobile scomponibile e realizzò poi la Libreria Billy, la più venduta della storia, fondando un vero e proprio impero economico, con grandi centri vendita in praticamente tutti i paesi del mondo. Con 36 miliardi di patrimonio era l’ottavo uomo più ricco del mondo. Il Catalogo Ikea è il testo più letto dopo la Bibbia ed è considerato un Saggio sui costumi abitativi. Una particolarità dei suoi mobili è quella di avere un nome. Kamprad battezzava personalmente ogni nuovo mobile della collezione con un nome. Fece questa scelta perché la dislessia non gli permetteva di ricordare bene i numeri.

I ragazzi del liceo artistico in visita a Ikea(I)ngvar (K)amprad, fondatore dell’azienda, nato nella (E)lmtaryd in Svezia, in una fattoria detta (A)gunnaryd, è una persona che ha aguzzato l’ingegno dalla necessità che ha vissuto sulla propria pelle in quanto l’Elmtaryd era un paese molto povero dove vivevano prevalentemente contadini che hanno dovuto trovare qualcosa di utile da fare per guadagnarsi da vivere. Quando era solo un ragazzino Ingvar iniziò con l’acquistare dei fiammiferi nella città vicina per poi venderli nelle fattorie. Dai fiammiferi passò alle penne a sfera che, all’epoca, erano una cosa nuova ed in fase di sviluppo. Quando capì che c’era del potenziale nel settore, iniziò a trasportare mobili dalla città verso le campagne fino a che nel 1943 decise di registrare il marchio IKEA che oggi è un leader nel unforming a livello mondiale. Nel 1950 iniziò a vendere nello specifico mobili e nel 1951 nacque il primo catalogo IKEA. Fondamentale, visto che fu il primo mezzo di comunicazione. Ogni anno, il momento del catalogo è molto sentito, innanzitutto perché racconta il tema dell’anno, per esempio quest’anno è “Siamo fatti per cambiare”. IKEA è quindi una catena di negozi che vende oggetti targati design IKEA, che si occupano principalmente di elementi di arredo e di uso comune ad un prezzo accessibile a tutti.

Ma perché recarsi in un centro Ikea, cioè in un negozio, con gli studenti di un Liceo Artistico?

Ingvar KampradChi frequenta un Liceo Artistico allena ogni giorno la creatività e si confronta con tecniche e materiali, progettando, ideando e sviluppando cose sempre nuove, che sono spesso il risultato di accurate ricerche di settore. Alcuni docenti di indirizzo del liceo hanno così pensato alla possibilità di far conoscere un prodotto creativo che ha alle spalle un preciso sistema di design, produzione, distribuzione e comunicazione: Ikea. Il designer parte, molto spesso, da un elemento banale e lo reinventa per farlo diventare un oggetto di arredo e di uso quotidiano. Per esempio un fiore potrebbe diventare un elemento adesivo per i muri o un posacenere o un tappeto e tanto altro. La realtà IKEA è un mondo, che nel mercato e nella cultura dell’arredamento occupa un posto ben definito. Il suo successo, come sostengono alcuni acquirenti intervistati, deriva dalla convenienza, data la alta qualità dei materiali e la vastissima scelta di prodotti ad un prezzo accessibile. Infatti, i principi su cui si basa la produzione sono: prezzi ridotti, la funzionalità, l’estetica. Un altro fattore fondamentale è l’imballaggio degli oggetti in pacchi piani, che ne facilitano lo stoccaggio e il trasporto in automobile. Infine il marketing è centrato sull’utilizzo di materiali naturali rinnovabili o riciclati. Sottoporre agli alunni dell’Artistico la realtà dell’IKEA è un modo per avvicinarli al mondo del lavoro nel loro settore. In base poi agli indirizzi specifici, i ragazzi hanno la possibilità di esaminare un oggetto o un arredo già realizzato e quindi entrare nel merito delle componenti, dell’assemblaggio, di tutto il funzionamento del mobile, del dimensionamento ecc. Cosa che a scuola non è quasi mai possibile ma è utile per esempio per le discipline di progettazione e disegno geometrico.

E’ stata una esperienza fantastica, soprattutto grazie al supporto di persone competenti che hanno orientato l'attenzione e sottolineato determinati particolari stupefacenti. Questo ha dissolto tutti i dubbi sulla opportunità di vivere una esperienza del genere. Inizialmente infatti ci si interrogava sulla qualità della azienda, pensando che dal punto di vista del design fossero magari più formative firme grandi del settore. Ma la unicità della proposta Ikea, oltre che la creatività della sua formula vincente, sono state convincenti.

                                                                                                                                                                                        ANGELICA PETRUCCIANI

 

Da un lavoro delle classi 3A e 3B del Liceo Artistico”Muzi” – Disciplina: Letteratura

 

di Redazione I.I.S. Bafile-Muzi


Condividi questo articolo





edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi