Tutti pazzi per Las Vegas: un giorno da leoni - Diario di viaggio - parte 4
 
 
    Leggi il giornalino di un Istituto
     


      Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
      Rimuovi questa edizione come predefinita
      Palizzi Riflessioni 05/09 05/09

      Tutti pazzi per Las Vegas: un giorno da leoni

      Diario di viaggio - parte 4

      MonteCarloIl 9 luglio abbiamo abbandonato ogni preoccupazione e siamo partiti alla volta della città più pazza del mondo: Las Vegas.

      Percorrendo la desertica Route 66 per quattro ore circa abbiamo infine trovato la nostra oasi. Sgargiante già durante il giorno, ad accoglierci la frase "Welcome to fabulous Las Vegas, Nevada", la rinomata scritta che dà il benvenuto ai visitatori. Dopo la foto di rito abbiamo raggiunto il centro della città dove abbiamo assistito allo straordinario spettacolo delle fontane danzanti sulla base di "All that jazz", davanti all'hotel Bellagio. Il centro della città consiste infatti in un'unica strada lungo la quale sono disseminati gli hotel con i rispettivi Casinò. I primi due che saltano all'occhio sono il Venetian, che riproduce al suo interno con tanto di canali e gondole la città di Venezia, ed il Luxor, avente forma di piramide davanti al quale troneggia la sfinge. Molto caratteristico è anche il New York-New York con la riproduzione (a grandezza ridotta) della statua della libertà, del Empire State Building ed altri grattacieli della grande mela.  Il più elegante è senz'altro il Paris con la piccola Tour Eiffel, ma anche il Mirage 

      Casinò

      con il suo vulcano attivo ma finto è un'attrazione unica. Il più estremo è invece lo Stratosphere con la sua torre alta 350 metri, sulla cui cima ci sono ben 4 giostre che farebbero soffrire di vertigini anche l'uomo più impavido.

      A Las Vegas nulla passa inosservato, soprattutto la permanenza dei VIP negli hotel. Questi mettono in bella mostra con delle locandine i volti delle star che pernottano da loro. Io ho visitato il casinò Montecarlo e in quei giorni pernottavano nell'hotel Ricky Martin e Bruno Mars! Il Bellagio invece poteva vantare la permanenza di Britney Spears.

      Tornando al Montecarlo, abbiamo visitato il casinò quando era ancora giorno, quindi l'atmosfera non era frizzante e selvaggia come si vede nei film, ma le slot machine erano già affollate insieme ai tavoli da Poker.

      Nel tardo pomeriggio ci siamo recati a Freemont Street. La leggendaria via da cui è nata Las Vegas è ora un'area pedonale che offre ai visitatori eventi e spettacoli notturni gratuiti! A Freemont Street hanno reso omaggio anche numerosi personaggi di Hollywood: qui sono stati girati nel 1964 "Viva Las Vegas" di Elvis Presley e nel 1971 "Agente 007- Una cascata di diamanti".

      L'attrazione principale è lo spettacolo di luci che danzano in sincronia con la musica, ma le insegne sgargianti che corrono lungo la strada sono l'elemento più suggestivo del posto: questa è la vera Las Vegas!

      Il primo giorno si conclude con una fantastica cena all'Hard Rock Cafe, dove il cibo è accompagnato dalle indimenticabili canzoni del musical più famoso del mondo: Grease.

      Las Vegas è sempre in movimento. Pazza e caotica, qui tutto è possibile, ecco perché è la meta preferita di tutti coloro che vogliono abbandonare la loro solita vita per un po' e darsi alla pazza gioia. Niente mezze misure: siate pronti a vivere una notte da leoni anche di giorno!

       

      Diletta Argirò


      Parole chiave:

      diariodiviaggio , Usa

      Condividi questo articolo



       

       
       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Seguici su Facebook!


      Chiudi
      Chiudi