Siren Festival, grande inizio con Malihini e TaxiWars - Ieri l’apertura al d’Avalos - Oggi al via tutti i concerti
 
 
    Leggi il giornalino di un Istituto
     


      Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
      Rimuovi questa edizione come predefinita
      Mattei Attualità 28/07 28/07

      Siren Festival, grande inizio con Malihini e TaxiWars

      Ieri l’apertura al d’Avalos - Oggi al via tutti i concerti

      MalihiniAvete presente quando state per andare ad un evento e, non sapendo a cosa state per andare incontro, mantenete una aspettativa bassa? Perfetto, la prima serata del Siren Festival è stata tutto ciò, però con un lieto fine: sono stato semplicemente sbalordito da quei due gruppi azzeccatissimi per l’apertura, i Malihini ed i TaxiWars.

      Alla prima, band di stampo italiano che però canta in lingua inglese, è stata affidata l’apertura dell’apertura: un live durato non più di un’ora, con un'intensità che aumentava esponenzialmente all'avanzare dello spettacolo, portando così tutta la Jager Stage ad un fragoroso applauso finale.

      I TaxiWars invece, hanno aperto in maniera definitiva il festival; il loro live è semplicemente riassumibile con tre termini: “Sinergia, sassofono ed un pizzico di follia”. Sinergia perché, il legame presente dietro a tutti e quattro i membri della band, li unisce per creare qualcosa di unico, dove spicca il sassofono, che con i suoi assoli ha saputo far animare la folla sempre presente con i suoi applausi al termine di ogni canzone, mentre la follia è stata perfettamente raffigurata dal cantante che, aiutato anche dagli effetti applaicati alla sua voce attraverso strumenti elettronici, è riuscito a non far mai abbassare l’intensità del concerto dove, sin dalla prima canzone, ha dimostrato quanto fosse stato grato dell’invito ricevuto per esibirsi al festival.

      Ieri, giovedì 27, è stato solo il primo giorno; oggi ne vedremo delle belle, con i primi nomi di artisti famosi, sia nella scena hip-hop che in quella della musica elettronica: da Ghali sul palco di Piazza del Popolo alle 21:30, ad Appart alle 00:30 nella Jeger Stage nel cortile del Palazzo D’Avalos; ci tengo inoltre a ricordare che chi non fosse in possesso di un abbonamento per entrambi i giorni o solo per la giornata di oggi, può sempre partecipare alle esibizioni nella Siren Beach o in Porta S. Pietro, che vedranno anche loro nomi da tenere in considerazione come Andrea Laszlo de Simon e Colombre, ma soprattutto la NEO (New Electronic Order): un gruppo di tre ragazzi molto giovani, che però si hanno scelto di continuare ad esprimere l’arte del djing nella vecchia maniera, attraverso i vinili ed i classici della musica elettronica.

      Diego Polverigiani


      Parole chiave:

      musica , siren festival

      Condividi questo articolo



       

       
       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Seguici su Facebook!


      Chiudi
      Chiudi