“Vasto jazz” visto con gli occhi di una spettatrice - Il concerto del trio di Aaron Goldberg ha conquistato un numeroso pubblico
 
 
    Leggi il giornalino di un Istituto
     


      Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
      Rimuovi questa edizione come predefinita
      Mattei Attualità 18/07 18/07

      “Vasto jazz” visto con gli occhi di una spettatrice

      Il concerto del trio di Aaron Goldberg ha conquistato un numeroso pubblico

      Venerdì 14 luglio, a Vasto, si è tenuto il concerto jazz del trio di Aaron Goldberg. Inizialmente pianificato all'interno del cortile di Palazzo d'Avalos, l'evento è stato poi spostato in serata (probabilmente per via della pioggia del pomeriggio) nei giardini dello stesso Palazzo.

      Lo scenario, però, non ha perso il suo valore: le colonne storiche, il verde, i colori soffici delle luci e l'atmosfera accogliente e fresca hanno ben tenuto testa alla serata immaginata.

      I posti a sedere, che abbracciavano il palco, sono stati occupati da un numeroso pubblico che si è lasciato stupire e trasportare dal trio.

      Attraverso le note del suo piano, Aaron Goldberg ha infuso tutta la sua energia e la sua passione, facendo trasparire anche il suo lato comico e giocoso.

      Ad accompagnarlo sono stati un italiano, Dario Deidda, al basso, e un americano, Gregory Hutchinson, alla batteria. 

      Durante l'esibizione la comunicazione dei musicisti ha mostrato quanto fossero in grado di comprendersi anche solo con gli sguardi e capaci di organizzare alla perfezione ogni singolo brano, scegliendo quando fosse stato  l'attimo di enfatizzare o meno alcuni momenti degli "arrangements".

      Fra i brani suonati si trovano "Tokyo Dream", una composizione dedicata all'attivista dell'Angola Luaty,"Isn’t this my sound around me" e "Second chance".

      Quello del 14 luglio è stato un evento tanto atteso, che ha dato a Vasto l'onore di avere come ospite un trio così importante, capace di conquistare tutti con un virtuoso, magico e coinvolgente stile musicale fatto di tempi dispari, scale modali e blue notes.

      Ruzzi Clara Mariagilda


      Parole chiave:

      concerti , jazz , musica , palazzo d'avalos

      Condividi questo articolo



       

       
       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Seguici su Facebook!


      Chiudi
      Chiudi