Amicizia, rispetto, onestà e lealtà: i valori della legalità! - La speranza di un futuro migliore, sereno e prosperoso parte da noi ragazzi
 
 
    Leggi il giornalino di un Istituto
     


      Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
      Rimuovi questa edizione come predefinita

      Amicizia, rispetto, onestà e lealtà: i valori della legalità!

      La speranza di un futuro migliore, sereno e prosperoso parte da noi ragazzi

      10 giugno 2017: intitolazione del giardino del Palazzo di Giustizia a Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e a tutte le vittime della mafia… C’eravamo anche noi del Consiglio Comunale dei Ragazzi! Il nostro interesse e la nostra compostezza sono stati ammirati e lodati dalle autorità presenti che hanno apprezzato la nostra attiva partecipazione.

      Il presidente dell’Ordine degli avvocati Vittorio Melone ha aperto la cerimonia, illustrando il progetto che durante l’anno scolastico ha coinvolto docenti e studenti di alcuni istituti superiori di Vasto, in un progetto sulla legalità.

      Dopo l’intervento del sindaco di Vasto, Francesco Menna, è arrivato il mio momento. Un turbinio di emozioni ha invaso la mia mente e il mio cuore: parlare davanti a così tante persone… a così tante autorità! Che cosa può dire di interessante un ragazzo di dodici anni? E come posso salire su quel pulpito, dove ventisei anni fa ha parlato il magistrato Paolo Borsellino, eroe nazionale, in occasione del XXI Congresso Nazionale dell’Associazione Nazionale Magistrati?

      La mia forza è affiorata… il mio discorso ha coinvolto tutti, ricevendo l’approvazione del presidente del Tribunale Bruno Giangiacomo e del procuratore della Repubblica di Vasto Giampiero Di Florio. Non ho detto cose straordinarie... ho voluto solo ricordare che la legalità e la giustizia devono iniziare nella famiglia, continuare nella scuola e manifestarsi nell’operato quotidiano di ciascuno di noi. Dobbiamo imparare ad ascoltare il Grillo Parlante che è in ognuno di noi, per risvegliare la nostra coscienza, nella consapevolezza che per ogni azione ci può essere un risvolto positivo o negativo.

      Offendere un amico, ridicolizzarlo davanti agli altri, metterlo in imbarazzo, invadere la privacy, diffondere immagini o notizie false può creare un momento di popolarità nel gruppo, ma sicuramente la fama che si riceve è futile, svanisce, e se vieni colto sul fatto, le conseguenze potrebbero essere disastrose…

      Allacciare le cinture di sicurezza, anche nei percorsi brevi, indossare e allacciare il casco, rispettare la segnaletica stradale: semafori, attraversamenti pedonali, rispettare le regole morali… sono atteggiamenti alla base della legalità.

      Non lasciamoci trasportare dalla corrente del male, della trasgressione, della ribellione.
      Il mondo ha bisogno di gente che nuota controcorrente, apre nuove strade, regala nuove possibilità, intravede sentieri che altri non si sono presi la briga di cercare.
      La speranza di un futuro migliore, sereno e prosperoso parte da noi ragazzi.
      Essere giovani vuol dire tenere aperto l’oblò della speranza, anche quando il mare è cattivo e il cielo si è stancato di essere azzurro.
      (Bob Dylan)

      Il sindaco dei ragazzi e delle ragazze
      Simone Di Minni


       


      Condividi questo articolo



       

       
       
       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Seguici su Facebook!


      Chiudi
      Chiudi