50 anni e non sentirli - Festeggiamenti per il mezzo secolo di vita dell’ITE "G. Spataro" di Gissi
 
 
    Leggi il giornalino di un Istituto
     


      Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
      Rimuovi questa edizione come predefinita
      Spataro Attualità 04/06 04/06

      50 anni e non sentirli

      Festeggiamenti per il mezzo secolo di vita dell’ITE "G. Spataro" di Gissi

      La dirigente con i ragazzi dell'IstitutoDopo settimane di preparativi si sono conclusi sabato 3 giugno i festeggiamenti per il 50° anno di vita dell’Ite “G. Spataro” di Gissi.

      Per l’occasione la scuola è stata addobbata a festa dagli alunni che hanno contribuito in vari modi realizzando fiocchi con diversi materiali, rappresentando le discipline della scuola secondaria di secondo grado su un telo lungo 30 metri, allestendo una mostra di aquiloni e di costellazioni seguita da una mostra fotografica storica che ritraeva alunni e personale scolastico degli ultimi 50 anni.

      Salendo al primo piano, mentre all'interno delle aule giravano ininterrottamente video con filmati inerenti l’Istituto, per i corridoi si sentivano vociferare ex alunni che riconoscendosi nelle foto della mostra commentavano piacevolmente.

      Sul palco montato per l'occasione nel parcheggio esterno, la festa è iniziata con i consueti saluti della Dirigente scolastica Aida Marrone seguiti da altri interventi istituzionali ai quali si sono intervallati piacevoli intermezzi musicali, balletti degli alunni della scuola primaria, seguiti da testimonianze di ex alunni che “ce l’hanno fatta” continuando gli studi o affrontando direttamente il mondo del lavoro.

      Ma non sono mancate nemmeno le sorprese. Il pubblico di alunni e personale scolastico dei vari plessi dell’Istituto misto a parenti, amici e curiosi è rimasto piacevolmente sorpreso quando sul palco è salita una docente che si è esibita interpretando una canzone in modo impeccabile.

      Il tutto si è concluso con un ricco buffet servito nella palestra.

      Arrivederci ai prossimi 50.

      C.A.


      Condividi questo articolo



       

       
       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Seguici su Facebook!


      Chiudi
      Chiudi