Il salvataggio "in calcio d’angolo" del Crotone - Il gruppo crotonese salvo miracolosamente dalla retrocessione in serie B
 
 
    Leggi il giornalino di un Istituto
     


      Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
      Rimuovi questa edizione come predefinita
      Mattioli Vasto Sport 02/06 02/06

      Il salvataggio "in calcio d’angolo" del Crotone

      Il gruppo crotonese salvo miracolosamente dalla retrocessione in serie B

      CrotoneIl Crotone miracolosamente si salva dalla retrocessione in Serie B. In realtà non si dovrebbe parlare di miracolo ma semplicemente di un avvenimento sportivo al di fuori di ogni logica.

      Di solito, le squadre, che alla fine del girone di andata hanno i punti che possiede il Crotone, sono già con un piede e mezzo in serie B. Il gruppo crotonese si è ricompattato, insieme all’allenatore che lo aveva portato in serie A, e ha supplito con la tenacia, l’impegno e  la dedizione in campo alle lacune tecniche e all’inesperienza di coloro (intendo i calciatori) che la serie A l’avevano vista solo in TV.

      Bisogna dare atto alla dirigenza del Crotone di non avere ceduto alla tentazione di esonerare l’allenatore Nicola quando le cose stavano andando male, com’è d’abitudine (aggiungo pessima) dei Presidenti delle Squadre di Calcio che, non potendo cacciare i giocatori e non potendo o volendo assumersi l’onere di avere costruito una squadra inadatta per quel tipo di campionato, “fanno fuori” l’unica vittima predestinata e spesso incolpevole, cioè l’allenatore. Di solito questa mossa non dà i frutti sperati, perché il cambio del mister non può colmare le lacune di una squadra male assemblata. Nel caso del Crotone invece si è creata una simbiosi tra squadra, città e tifosi. Mai una protesta esagerata, mai una contestazione sopra le righe. Solo un appoggio incondizionato che ha fatto sì che il miracolo si avverasse.

      Dovremmo prendere esempio dal campionato inglese dove, anche in caso di retrocessione, la tifoseria applaude gli sconfitti, perché comunque sono coloro che li rappresentano sul rettangolo di gioco e sconfessarli sarebbe come sconfessare un po’ se stessi.   

       

      Niccolò Di Caterino


      Parole chiave:

      sport , calcio , crotone , squadra

      Condividi questo articolo



       

       
       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Seguici su Facebook!


      Chiudi
      Chiudi