I Green Day sono tornati alla ribalta - Fan italiani iniziate il conto alla rovescia
 
 
    Leggi il giornalino di un Istituto
     


      Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
      Rimuovi questa edizione come predefinita
      Palizzi Cultura 16/05 16/05

      I Green Day sono tornati alla ribalta

      Fan italiani iniziate il conto alla rovescia

      Green DayNel 1987 a Berkley (California) si formò un gruppo destinato a lasciare un’importante impronta nel mondo della musica punk: i Green Day.

      La loro storia ebbe inizio quando in quel lontano 1987 due quindicenni, Billie Joe Armstrong (futura chitarra e voce del gruppo) e Mike Dirnt (basso e voce secondaria) formarono gli Sweet Children. L'anno dopo il duo si allargò, con l'aggiunta di Al Sobrante (batteria temporanea) e fu allora che divennero realmente i Green Day. Il significato del nome scelto non è confortante, nello slang significa "giornata passata a fumare canne".

      Nel 1990, la band produce il primo album "39/Smoothe" che riscuote un discreto successo nella scena punk californiana. Nonostante questo inizio discreto la band vive subito le sue prime difficoltà: Al Sobrante abbandona il gruppo a causa dei suoi impegni nello studio lasciando così il posto a Trè Cool (batteria ufficiale). La nuova formazione dei Green Day pubblica nel febbraio del 1994 "Dookie" (sinonimo di "shit", ovvero "merda"), disco che farà conoscere la band in tutto il mondo, vendendo milioni e milioni di copie. Come se non bastasse, l’anno successivo "Dookie" vince il Grammy Awards per il miglior album alternativo. Nel 1995 arriva un altro album dei Green Day, accolto da successo: "Insomniac". Si tratta di disco più melodico rispetto a "Dookie", che conferma però il successo del trio, con 2 milioni di copie vendute e un doppio disco di platino.

      Green Day (Ambra Dottore/zero.eu)I successi continuano finché nel 2000 con "Warning" (disco d'oro), i Green Day confermano la perdita del loro tipico stile punk avvicinandosi molto più al pop orecchiabile. Nonostante alcuni ostacoli il successo raggiunge nuovamente livelli molto alti con “American Idiot”, album politico uscito nel 2004, che immediatamente raggiunge il primo posto nelle classifiche. Così per i  Green Day si prepara un anno di intenso lavoro con un super tour di 150 date che li vedono protagonisti sui palchi di tutto il mondo dal Giappone all’Australia passando per gli Stati Uniti. La band a questo punto si concede due anni di pausa. Quando torna sulle scene della notorietà lo fa in maniera allargata con l'aggiunta a sorpresa di due nuovi membri turnisti, il nucleo rimane sempre il trio. A maggio del 2009 esce l'album "21st Century Breakdown" , si tratta dell’album che ha suscitato più polemiche per le critiche politiche in esso presenti, ma confermato come uno dei migliori dal punto di vista delle classifiche. Il 2012 è l’anno della loro trilogia composta da ¡Uno! ¡Dos! e ¡Tré! e della loro scomparsa dalla scena.

      I Green Day oltre ad essere uno dei gruppi musicali con più vendite della storia (più di 85 milioni di dischi venduti in tutto il mondo), compaiono nella lista "New Immortals",  (elenco degli artisti definiti le nuove leggende della storia della musica), riportata sulla rivista Rolling Stone. Inoltre lo storico settimanale Billboard  li ha inseriti nella lista dei "migliori artisti alternativi di sempre", classificandoli al 4º posto. Proprio da un’intervista rilasciata da Armstrong alla rivista Rolling Stone capiamo che anche i grandi possono cadere. Infatti dopo la trilogia per il gruppo punk sono seguiti 4 anni di silenzio: Armstrong dovette fare riabilitazione per dipendenza da medicinali, la moglie del bassista Dirnt fu colpita da un tumore al seno, poi fu il turno del chitarrista turnista White, colpito a sua volta da tumore alle tonsille. Nel 2015 finalmente giunse la rinascita sia White sia la moglie del bassista guarirono e di qui la rinascita della band con il suo ultimo lavoro “Revolution Radio”.

      Per tutti i fan italiani l’attesa sta per finire: il 14 giugno a Lucca o il 15 a Milano potremo cantare con i nostri idoli ritornati alla vita.

                          Maria Stella Ciancaglini


      Parole chiave:

      Evento , Green Day

      Condividi questo articolo



       

       
       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Seguici su Facebook!


      Chiudi
      Chiudi