Un tuffo nel passato - Le scienze umane in visita al “Parco archeologico del quadrilatero” di San Salvo
 
 
    Leggi il giornalino di un Istituto
     


      Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
      Rimuovi questa edizione come predefinita

      Un tuffo nel passato

      Le scienze umane in visita al “Parco archeologico del quadrilatero” di San Salvo

      Il 28 marzo la classe 1^ D del “Pantini-Pudente”, insieme alle professoresse Colella e Zinni, si è recata a S. Salvo per la visita guidata al
       “Parco archeologico del quadrilatero”. L’archeologa Grazia La Verghetta della cooperativa Parsifal ci ha illustrato la storia di S. Salvo partendo dalla chiesa di S. Giuseppe che nell’antichità faceva parte di un monastero.

      Passando per la “Porta delle terra”, chiamata così perché al di fuori di essa c’erano solo i terreni coltivati, ci ha mostrato un mosaico risalente agli antichi Romani. Con Grazia abbiamo visto nel pavimento musivo delle fosse granarie, scavate dai monaci in epoca successiva per conservare il grano; il mosaico è stato quindi in parte distrutto e non ne conosciamo il centro perché su di esso era stato costruito un camino. Nonostante tutto rimane comunque una produzione di notevole fascino!

      Successivamente abbiamo visitato ciò che rimane del chiostro dell’abbazia, dove i monaci passavano il loro tempo libero, passeggiando, pregando e meditando; vicino al pozzo centrale si nota ancora un foro di scolo che apparteneva ad una casa romana e veniva utilizzato per raccogliere l’acqua piovana. L’abbazia cistercense era stata creata in onore dei santi Vito e Salvo, da cui deriva il nome della città odierna.

      In seguito siamo entrati nel museo sottoterra dove l’archeologa ci ha mostrato ambienti e oggetti rinvenuti negli scavi di alcuni anni fa;
      Grazia ci ha anche mostrato le foto dell’acquedotto romano che attraversa tutta la piazza nel sottosuolo e che risulta ancora percorribile. Nei locali del museo ne è stato riprodotto un pezzo e alcune di noi hanno provato a “strisciarci” dentro: è stata un’esperienza molto emozionante!

      Dopo aver analizzato le tecniche e gli strumenti del mosaico, è toccato a noi crearne uno in mattonella: è stato divertente anche se abbiamo un po’ pasticciato!

      La giornata è stata interessante e creativa ma l’evento che forse ci ha maggiormente divertito è stato l’imprevisto che ci ha accolto appena scesi dal pullman: un signore portava in giro una specie di cinghiale “da passeggio” per i vialetti della villa comunale!



      Langiano Danila, Robu Gisela

       


      Parole chiave:

      iniziative , scienze umane

      Condividi questo articolo



       

       
       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Seguici su Facebook!


      Chiudi
      Chiudi