Rino Gaetano: "Ho scelto la strada del paradosso" - Conosciamo meglio uno dei grandi cantautori della musica italiana
 
 
    Leggi il giornale di un istituto
     

      • Macerata - I.P.S.E.O.A. "G. Varnelli" (in attivazione)
      • Campobasso - Liceo Classico "Mario Pagano" (in attivazione)
      • Isernia - I.S.I.S. "FERMI-MATTEI" - ISERNIA (in attivazione)
      • Termoli - I.I.S. Boccardi - Tiberio (in attivazione)
      • Trivento - N. Scarano (in attivazione)

      Mattioli Vasto Persone 12/03 12/03

      Rino Gaetano: "Ho scelto la strada del paradosso"

      Conosciamo meglio uno dei grandi cantautori della musica italiana

      Rino GaetanoRino Gaetano aveva solo 31 anni quando perse la vita a causa di un incidente stradale su una via romana, esattamente via Nomentana. Era nato a Crotone nel 1950 ma già a dieci anni si era trasferito a Roma con i suoi genitori. La sua carriera non è stata semplice anche se lo ricordiamo come uno dei più noti cantautori italiani, vuoi per la sua voce ruvida, vuoi per il nonsense caratteristico delle sue canzoni, vuoi per la denuncia sociale nascosta dietro l’ironia delle sue filastrocche. Esordisce nel 1974 con il suo primo album "Ingresso libero" che avrà un discreto risultato. Il titolo allude al suo ingresso nel mondo della musica.

      Il successo arriva l’anno successivo, nel 1975, con la canzone "Ma il cielo è sempre più blu" (divenuta l’inno calcistico del Crotone). Il brano fu inizialmente censurato perché conteneva due frasi che non potevano essere diffuse ma ebbe un così enorme successo che soltanto quell’estate furono vendute oltre 100.000 copie.

      Cominciò ad esibirsi sempre più di frequente nei concerti dal vivo, facendo da apripista a Venditti e altri cantanti già affermati.

      Ne 1976 incise il suo secondo album "Mio fratello è figlio unico" dove propose argomenti drammatici, quali la solitudine e l’emarginazione. Il suo terzo album "Aida" uscì nel 1977. Il titolo scelto intendeva rappresentare l’incarnazione di tutte le donne e dell’Italia stessa. Il singolo "Aida" si piazza al 3° posto vendendo circa 15.000 copie.

      Nel 1978 arriva la sua massima consacrazione con l’album contenente i singoli "Nuntereggae più" e "Gianna", quest’ultima canzone vende in un mese 100.000 copie diventando il singolo più venduto di Rino Gaetano. E’ da sottolineare il genere "nonsense" usato per questa canzone e successivamente anche in "I Love You Marianna". Rino Gaetano porta "Gianna" addirittura al Festival di Sanremo del 1978 dove si piazza al terzo posto. Fa il suo ingresso sul palco sanremese con una tuba nera, frac attillato, maglietta a righe bianche e rosse, scarpe da ginnastica. Dirà poi "Il Festival resta una passerella e come tutte le passerelle ti offre tre minuti per fare un discorso che normalmente fai in uno spettacolo di due ore. Così devi trovare un sistema. Da parte mia, ho scelto la strada del paradosso".

      Nel 1979 esce l’album "Resta vile maschio, dove vai?". L’anno seguente pubblica il sesto e ultimo album "E io ci sto". Tutti i suoi testi hanno un significato profondo, particolare, unico; ognuno può apprezzarne lo spessore e l’ironia. Il mondo della musica, con la morte di Rino Gaetano (2 giugno del 1981) ha perso uno straordinario cantautore e un arguto pensatore. Nonostante la breve carriera artistica è da ricordare tra i grandi della nostra musica italiana.

      Niccolò Di Caterino

       


      Parole chiave:

      cantautore , musica , persone , rino gaetano

      Condividi questo articolo



       

       

      edit

      Scrivi su Scuolalocale clear remove

      Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto.
      account_circle
      email
      Seleziona la redazione a cui inviare il tuo articolo
      mode_edit
      Foto attach_file
      Indietro
      thumb_up

      Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

      Attendi una loro risposta, grazie!

      doneChiudi
      Racconta la tua esperienza in un progetto di alternanza Scuola-Lavoro.
      Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto e racconta la tua esperienza. La redazione e il capo-redattore riceveranno e pubblicheranno il contenuto su Scuolalocale, nell’area progetti Scuola-Lavoro.
      account_circle
      email
      Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
      Seleziona il progetto che vuoi raccontare. Non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
      mode_edit
      mode_edit
      mode_edit
      mode_edit
      mode_edit
      mode_edit
      mode_edit
      mode_edit
      mode_edit
      Foto attach_file
      Indietro
      thumb_up

      Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

      Attendi una loro risposta, grazie!

      Chiudi
      Chiudi