Il Fantasy: il genere letterario sottovalutato - Il genere letterario Fantasy si sviluppa intorno al XIX e XX secolo...
 
Stai leggendo il giornale digitale di Pantini Pudente su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Pantini Pudente Riflessioni 13/02/2017 13/02

Il Fantasy: il genere letterario sottovalutato

Il genere letterario Fantasy si sviluppa intorno al XIX e XX secolo...

Il genere letterario Fantasy si sviluppa intorno al XIX e XX secolo, ed è un prodotto della letteratura di genere. Riguarda la presentazione di un mondo fantastico, ricco di elementi mitologici e soprannaturali descritto con una fervida immaginazione; pertanto gli elementi introdotti non vengono presentati in chiave scientifica.
 
Uno dei massimi esponenti del fantasy, nonché considerato dai più creatore di quest'ultimo è John R.R Tolkien. Il quale ha dato impulso al fantasy epico con la sua nota trilogia "Il signore degli anelli", preceduta dal prequel "Lo Hobbit". In Italia, invece, abbiamo le opere della regina del fantasy europeo Licia Troisi, conosciuta per la saga delle "Cronache del Mondo Emerso".
 
Talvolta leggere viene considerato un atto svolto esclusivamente per istruirsi e, di conseguenza, la narrativa e le opere di saggistica acquisiscono un posto di superiorità nella gerarchia dei generi letterari che vede al gradino più basso il fantasy, ritenuto per bambini e redatto con uno stile di scrittura elementare, dunque un libro insignificante.
 
La lettura diviene educatrice, di cultura e di spessore in base ai gusti e all'animo dei soggetti che decidono di abbandonarsi al potere delle parole. Il genere fantasy è di coloro che decidono di emanciparsi da una realtà troppo verosimigliante per farsi trasportare in un mondo soprannaturale, dove la libertà è un'arte e volare spesso è possibile. 
 
Vi sono diversi sottogeneri del fantasy, alcuni direzionati principalmente ad un pubblico puro e genuino come quello costituito dai bambini, che scoprono quanto siano importanti valori come quello dell'amicizia e iniziano a fantasticare, immaginando un mondo migliore dove i sogni possono realizzarsi e dove c'è spazio anche per l'avventura. 
La serie di Fairy Oak  scritta dalla giornalista e scrittrice Elisabetta Gnone, ma anche il magico mondo di Harry Potter; questi romanzi possono far sognare anche gli adulti, perché bisogna sempre tenere vivo il bambino che è in noi.
 
Il fantasy epico, invece, è ricco di contenuti maturi e di scene sanguinolente, feroci battaglie e amori tormentati scritti con uno stile piuttosto ricercato e per niente retorico (Ad esempio il Trono di Spade di George R.R Martin). 

Dunque può essere considerato questo un genere insulso e per bambini?

Antonio Suero 

Parole chiave:

fantasy , letteratura di genere

Condividi questo articolo




 

edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione a cui inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza in un progetto di alternanza Scuola-Lavoro.
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto e racconta la tua esperienza. La redazione e il capo-redattore riceveranno e pubblicheranno il contenuto su Scuolalocale, nell’area progetti Scuola-Lavoro.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare. Non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stata inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi