Charles Darwin, memoria e eredità scientifica del biologo londinese - 12 Febbraio: 208 anni dalla nascita di Darwin.
 
 
    Leggi il giornalino di un Istituto
     


      Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
      Rimuovi questa edizione come predefinita
      Palizzi Persone 12/02 12/02

      Charles Darwin, memoria e eredità scientifica del biologo londinese

      12 Febbraio: 208 anni dalla nascita di Darwin.

      charles darwinCharles Darwin, nato il 12 febbraio 1809 a Shrewsbury, è famoso soprattutto per le sue teorie sull’evoluzione di tutte le specie animali e vegetali per selezione naturale.

      I suo studi hanno oscillato dalla medicina alla biologia. Alla prima si accostò per volere della famiglia borghese cui apparteneva, al fine di seguire le orme paterne.

      Tuttavia da sempre Charles dimostrò molto più interesse per le rocce e i minerali che collezionava, per gli insetti che trovava nei boschi attorno al suo paese e per gli uccelli e le loro abitudini migratorie; dopo qualche anno di infruttuosi studi in campo medico, senza il consenso del padre, si imbarcò sul brigantino HMS Beagle per una crociera esplorativa (che sarebbe durata 5 anni) alla volta delle coste e delle isole del Sud-America. Durante il viaggio Darwin raccolse moltissimo materiale su diversi campi: fossili di animali e piante; studi delle specie vegetali esotiche e delle loro proprietà sia venefiche che curative; dell’anatomia degli animali predatori e dei loro metodi di caccia totalmente diversi da quelli che aveva osservato in Inghilterra; dei meccanismi di difesa delle loro prede e dei tipi di climi che incontrava; per poi classificare il tutto per specie, domini e famiglie.

      Quel vasto materiale unito a studi di altri famosi biologi e ad una logica ferrea lo portarono a metà ‘800 alla realizzazione del suo libro più famoso “L’origine delle specie” che fondava l’origine dell’uomo da un antenato comune, i primati, ovvero i mammiferi i cui componenti sono i più evoluti del regno animale. Come sappiamo alla sua pubblicazione il volume ottenne pareri molto contrastanti: acclamazioni da colleghi, scienziati ed altri naturalisti che lo usarono come integrazione per moltissimi studi futuri e una totale negazione da parte di ogni organo religioso cattolico, che etichettò il libro e il suo autore come eretici.

      Gli studi di Darwin proseguirono per tutta la sua vita e, molti anni dopo la sua morte, ritrovamenti di fossili e scoperte di nuovi animali e piante confermarono pressoché ogni teoria del genio Inglese valendogli grandissimi riconoscimenti postumi a livello mondiale, oltre che il diritto di entrare nella storia come “il Padre dell’Evoluzione’’.

       

      Nicolas di Bernardo 


      Parole chiave:

      biologo , charles darwin

      Condividi questo articolo



       

       
       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Seguici su Facebook!


      Chiudi
      Chiudi