John Lennon Dai Beatles alla Plastic Ono Band - Un “anti-religioso”, “anti-nazionalista”, “anti- convenzionale” ed “anti-capitalista
 
 
    Leggi il giornalino di un Istituto
     


      Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
      Rimuovi questa edizione come predefinita
      Palizzi Persone 11/02 11/02

      John Lennon Dai Beatles alla Plastic Ono Band

      Un “anti-religioso”, “anti-nazionalista”, “anti- convenzionale” ed “anti-capitalista

      Daniele Di CataldoJohn Wiston Ono Lennon nacque il 9 ottobre 1940. Meglio conosciuto come John Lennon, è divenuto famoso per essere stato membro, insieme a Paul McCartney, Ringo Starr e George Harrison di una delle band più famose del mondo intero: i "The Beatles".
      Nel corso della loro straordinaria carriera vennero soprannominati con vari nomignoli, come  “fab four” ("favolosi quattro"),  “baronetti” ed ancora  “ragazzi di Liverpool” in seguito alla loro unione avvenuta, appunto, a Liverpool.

      Tra il 1962 e il 1970, gli anni di Lennon nei Beatles, la band diede vita ad una dozzina di album, venduti in milioni di copie, tutti passati alla storia. Ricordiamo tra questi Please Please Me, il loro primo album, uscito nel 1963; la Trilogia, composta da Rubber Soul,  Revolver  e Sergeant Pepper's Lonely Hearts Club Band, che rappresenta la svolta artistica del gruppo; White Album, che giunge invece negli anni della crisi del quartetto, ed infine Let It Be, loro ultimo ed indimenticabile album.

      Le canzoni del gruppo per una convenzione interna al gruppo stesso risultavano tutte scritte interamente da John Lennon e Paul McCartney, quando spesso nella realtà erano o dell’uno o dell’altro, raramente erano composte a quattro mani, ovvero con Ringo Starr e George Harrison. Oggi, grazie a delle ricostruzioni di appassionati dei Beatles circolano elenchi con gli autori ufficiali e si scopre per esempio che la famosissima canzone "Let it be" non fu composta anche da Lennon come molti credono, ma dal solo Paul McCartney.

      Tumblr.comLennon nel ‘69 visse il suo secondo matrimonio, la sposa era Yoko Ono, figura vista in maniera negativa dalla maggior parte dei fan, poiché le attribuirono la colpa di aver fatto allontanare l’artista dalla band inglese anche se, come ormai è noto ai più, non fu lei il motivo principale della rottura dei Beatles, probabilmente fu solo un motivo in più. Certo è che nel 1970 Lennon si allontanò definitivamente dalla band che lo aveva reso famoso e promosse Plastic Ono Band, la band fondata con la nuova moglie poco prima della rottura ufficiale con i Beatles.

      Oltre alla musica, Lennon viene ricordato anche per le sue numerose battaglie contro le guerre, l'odio e le discriminazioni. Proprio di questo parlano diversi suoi testi, il più famoso dei quali è senz’altro "Imagine", canzone scritta interamente da lui durante la sua carriera da solista, avviata in seguito alla rottura con il quartetto di Liverpool. Lennon definì il brano come “anti-religioso”, “anti-nazionalista”, “anti- convenzionale” ed “anti-capitalista” e lo accostò più che ad un inno alla pace ad un tentativo di riproposizione del Manifesto del Partito Comunista, visto che con questa canzone il cantautore si impegnava a promuovere una società in cui non trionfassero valori quali il materialismo e l’utilitarismo. Sempre con lo stesso tema di impegno sociale, stavolta specificatamente contro la guerra, a favore della pace, Lennon insieme a Yoko Ono scrisse “Happy Xmas (War Is Over)” con cui veniva condannata la guerra nel Vietnam. Infine, vero manifesto dei movimenti pacifisti fu “Give Peace a Chance”, un singolo del ’69, con cui si esibì per la prima volta la band fondata con la consorte.

      Come ben tutti sanno, John Lennon fu assassinato da un suo fan in cerca di attenzioni, Mark Chapman, che l'8 dicembre 1980 sparò pochi, ma decisivi colpi, davanti al Dakota, palazzo residenziale di Lennon, in Central Park a New York City.

      Il giorno dopo la sua uccisione, i Queen cantarono "Imagine" in suo onore e noi in suo onore riportiamo le sue utopiche parole: Immagina non ci siano paesi non è difficile. Niente per cui uccidere e morire e nessuna religione. Immagina che tutti vivano la loro vita in pace…

      Maria Stella Ciancaglini


      Parole chiave:

      johnlennon

      Condividi questo articolo



       

       
       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Seguici su Facebook!


      Chiudi
      Chiudi